- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

A Napolitano non far vedere … la sporcizia sulle strade

[1]Arriva il Presidente e la città deve essere pulita. Al Presidente si deve dare l’immagine di una città pulita, ordinata e senza problemi sociali.  Il Presidente visiterà un’altra Sicilia, quella finta, quella che si fa bella per gli illustri ospiti, quella dell’efficienza messa in mostra proprio per la visita e quella della felicità a comando.

L’esatto contrario della verità. E la Prefettura, secondo il quotidiano La Sicilia, chiede un intervento straordinario per pulire le strade e subito l’Amia provvede e i sindacati sospendono lo sciopero … per il Presidente.

Il Presidente degli italiani arriva in Sicilia, la terra del popolo che diverrà, parole di Berlusconi, 100% italiano quando sarà costruito il ponte, e tutti a nascondere la realtà.

Il teatro della politica deve essere sempre in ordine, poi, quando la rappresentazione è finita, allora tutto ritornerà come prima.

Più o meno come è successo per i bambini indiani utilizzati dagli USA per un grande film che sono stati rispediti nella stessa baraccopoli schifosa da dove li avevano presi. E ironia della sorte il governo indiano ha pure demolito la baraccopoli e sono rimasti con un pugno di mosche.

Già, un pugno di mosche come rimarranno i siciliani quando l’illustre ospite lascerà l’Isola. Tutto ritornerà come prima, sporcizia, disorganizzazione, malasanità, mala amministrazione, etc etc.

Ma il Presidente ricorderà una Sicilia splendente e rigogliosa, proprio da cartolina.