- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

INDUSTRIA. 9 mln di euro per riqualificazione comuni messinese. Accordo Terna/regione

I Comuni del Messinese interessati dal tracciato dell’elettrodotto a 380 kV in doppia terna Sorgente-Rizziconi e alla razionalizzazione della rete in alta tensione, grazie all’accordo integrativo sottoscritto tra l’assessorato regionale all’Industria, la Provincia regionale di Messina e Terna, avranno a disposizione 9 milioni euro, a copertura degli impatti ambientali residuali, per la realizzazione di opere compensative di riqualificazione ambientale, da realizzare nel loro territorio per il tramite della Provincia di Messina.

L’assessorato, in attuazione all’accordo, ha provveduto a ripartire le risorse disponibili tra i singoli Comuni e la Provincia regionale di Messina. Per la suddivisione delle risorse si è tenuto conto, per ciascun Comune interessato, della quota di territorio impegnato in base ai km di nuove linee da installare, ai km di linee esistenti da dismettere ed alla densità della popolazione. Sono stati inoltre considerati e valutati l’impatto inerente la nuova stazione elettrica prevista a Villafranca Tirrena e l’esistenza di particolari criticità ambientali a Pace del Mela.

 Poiché è ormai alla conclusione la procedura di autorizzazione del progetto relativo all’elettrodotto in questione, l’assessore regionale all’Industria, Pippo Gianni, nel comunicare l’entità della risorsa finanziaria assegnata a ciascun Comune, ha chiesto di conoscere quali interventi ciascun Comune intende realizzare nel proprio territorio; a tale scopo ha inviato una scheda che dovrà essere compilata per la descrizione degli interventi che dovranno essere realizzati.

Le suddette informazioni dovranno essere trasmesse alla Provincia Regionale di Messina e, per conoscenza, all’assessorato regionale all’Industria, ufficio speciale per il coordinamento delle iniziative energetiche, entro il prossimo mese di settembre 2009, allo scopo di procedere successivamente alla stipula del relativo protocollo d’intesa, propedeutico alla progettazione ed esecuzione delle opere prescelte.

Le opere ammesse sono le seguenti:

Riqualificazione ambientale

Interventi sulla vegetazione (piantumazione aree); dispositivi per l’avifauna (se relativi ad elettrodotti diversi dall’opera in oggetto); sistemazione straordinaria strada rurale; finanziamenti per il monitoraggio degli impatti ambientali residui dell’opera (relativamente ai CEM); recupero e ripristino di ex cave; interventi di mitigazione ambientale di infrastrutture stradali;  sistemazione di boschi; impianti artificiali di specie vegetali a basso portamento da effettuare nelle fasce asservite di linee esistenti; ripristino piste forestali;  finanziamento di progetti di miglioramento ambientale ai fini faunistici di aree protette; alizzazione di percorsi d’accesso alle aree archeologiche.

Riqualificazione urbanistica 

Riqualificazione urbanistica del centro storico; riqualificazione parco comunale; realizzazione di infrastrutture stradali a servizio delle zone PIP.