- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Informatizzazione PA. A Marsala i certificati si ottengono on-line

[1]Il Comune di Marsala è stato inserito tra le Amministrazioni rappresentative dei processi di innovazione negli Enti locali. E’ quanto ha comunicato al sindaco Renzo Carini l’ANCITEL, la sezione telematica dell’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani che si occupa di monitorare lo sviluppo tecnologico delle pubbliche amministrazioni. Il riconoscimento al Comune di Marsala è stato comunicato in tempo reale al Prefetto di Trapani, Stefano Trotta, che ieri – nel Complesso San Pietro – ha tenuto a battesimo il servizio di “certificazione anagrafica online” che pone Marsala all’avanguardia nel panorama dell’informatizzazione pubblica nazionale. Sull’importanza del progetto è intervenuto lo stesso sindaco Carini che – nel ringraziare l’assessore alle telecomunicazioni Anna Bandini e il consulente informatico Paolo Agate – ha sottolineato che “quando si parla di snellimento burocratico, Marsala rappresenta un esempio di avanzato grado di tecnologia al servizio degli utenti, con notevoli vantaggi per i cittadini ed un risparmio economico per il Comune”. Il riferimento è al fatto che la “certificazione online” è completamente gratuita (non si pagano i diritti di segreteria); evita di recarsi allo sportello anagrafico negli orari di apertura (si può stampare a casa in qualsiasi momento); può essere trasmessa in tempo reale all’Ente che l’ha richiesto (basta una semplice mail consentita dal sistema stesso). Per quanto riguarda il Comune, poi, le economie si traducono sia in termini di risparmio di materiale di consumo (carta, inchiostro, ecc.) che di recupero di risorse umane (riduzione di sportelli e potenziamento di altri servizi). Nella brillante presentazione del progetto, Sergio Cacioppo (responsabile CED comunale) e Nino Chirco (Matrix Technology) hanno illustrato la facilità di accesso alla “certificazione anagrafica online”, collegandosi al sito internet www.comune.marsala.tp.it [2] per ricevere il “codice identificativo” che – in totale sicurezza della privacy – consentirà l’utilizzo del servizio. Il progetto, validato dal C.N.I.P.A. – Centro Nazionale Informatica nella Pubblica Amministrazione – e autorizzato dal Ministero dell’Interno, è ora entrato nella fase operativa con la sottoscrizione del protocollo d’intesa tra il Prefetto Trotta, quale rappresentante del Governo nazionale, e il sindaco Renzo Carini, suggellando così l’avvio della certificazione tramite internet. “Quello che ci distingue dagli altri Comuni, afferma l’assessore al decentramento Nino Sammartano, è il rilascio di certificazioni con timbro e firma digitale: primo esempio in Italia di un servizio non sperimentale ma immediatamente fruibile dal cittadino”. I documenti stampabili a casa sono quelli che normalmente si richiedono agli sportelli anagrafici comunali: residenza, nascita, stato di famiglia, cittadinanza, ecc. Di tutto questo si terrà conto nel “Rapporto sull’Informatizzazione” dei Comuni che l’ANCITEL presenterà il prossimo 26 giugno a Roma, nella Sala delle Colonne di Palazzo Marini (Camera dei Deputati).