- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Fondo regionale per il commercio. Deliberati 30 milioni di euro

Si è insediato, stamattina, presso la sede di Banca Nuova, a Palermo, il comitato tecnico che amministra il Fondo regionale per il commercio istituito con la legge regionale 32 del 2000. Le somme, circa 45 milioni di euro,  gestite da Banca Nuova, sono destinate al sostegno delle piccole e medie imprese commerciali e di servizi. Il 40% è destinato a finanziamenti diretti per l’adattamento e l’ammodernamento di esercizi commerciali, la rimanente parte sarà concessa per varie tipologie di finanziamenti (credito d’avviamento, credito d’esercizio, consolidamento passività onerose) concessi dalle banche convenzionate con il Fondo.

         Il comitato, presieduto da Francesco Maiolini, direttore generale della banca, alla presenza dell’assessore regionale alla Cooperazione e Commercio, Roberto Di Mauro, ha approvato il bilancio di esercizio 2008, esaminato 392 pratiche e deliberato investimenti per circa 30 milioni di euro.

         Maiolini, nella sua qualità di presidente del  comitato di gestione, ha espresso compiacimento per le nomine fatte dal presidente Lombardo e dall’assessore Di Mauro che hanno permesso la ripresa dell’attività del comitato stesso, rimasto fermo per oltre un anno. “Il fondo – ha aggiunto – è uno strumento particolarmente efficace destinato alle aziende del terziario, e costituisce un volano per l’economia in grado di mobilitare un miliardo di euro”.

Il bilancio relativo al quadriennio di attività,  maggio 2004 – maggio 2008, è stato chiuso con un utile netto di poco meno di 74mila euro, somme che vanno ad incrementare lo stesso Fondo.

Dopo aver approvato il bilancio, stamattina il comitato tecnico ha esaminato le 392 pratiche istruite. Venti riguardano nuovi investimenti per un impegno finanziario di 5 milioni e 400mila euro di risorse. Trecentottantadue sono invece le richieste di contributi in conto interessi: circa 2 milioni e 600mila euro di risorse che attiveranno poco meno di 30 milioni di euro di investimenti, di cui il 45% saranno erogati da Banca Nuova, il 25% dal Banco di Sicilia, il resto dagli altri istituti bancari convenzionati.