- Osservatorio Sicilia - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Regione. 4,2 milioni di euro per la salvaguardia delle zone montane

Sarà pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell’8 maggio la graduatoria relativa all’assegnazione delle risorse del “Fondo per la montagna”. Si tratta di 60 progetti finanziati con 4,158 milioni di euro, di risorse statali, che verranno utilizzati per la salvaguardia e la valorizzazione delle zone montane. In particolare, le diverse linee di intervento finanziabili, previste dalla circolare del 2007, riguardano la manutenzione dei corsi d’acqua, delle strade comunali e interpoderali, dei sentieri e trazzere montane e degli  immobili finalizzati alla fruizione turistica.

I fondi  dovrebbero esseri impiegati per migliorare i servizi di diverse zone montane, evitandone, quindi, lo spopolamento e salvaguardando così le attività agricole e rurali in buona parte delle aree interne della Sicilia.

A predisporre le graduatorie il “Servizio Bacini montani” del Dipartimento regionale delle Foreste. I programmi di spesa sono stati approvati con decreto del dirigente generale del dipartimento, Pietro Tolomeo. Beneficiari saranno la provincia regionale di Siracusa, oltre a 43 comuni della Sicilia: Alcara Li Fusi, Alì, Antillo, Castel di Lucio, Fiumedinisi, Frazzanò, Galati Mamertino, Leni, Longi, Malvagna, Mistretta, Nizza di Sicilia, Raccuja, Santa  Domenica Vittoria, San Marco d’Alunzio, San Teodoro, Tripi e Ucria (in provincia di Messina); Bronte, Maletto, Maniace, Milo e Santa Maria di Licodia (in provincia di Catania); Buccheri, Buscemi, Cassaro e Ferla (in provincia di Siracusa); Calascibetta, Gagliano Castelferrato e Sperlinga (in provincia di Enna); Caltavuturo, Campofiorito, Castelbuono, Castellana Sicula, Gangi, Petralia Soprana, Petralia Sottana e Prizzi (in provincia di Palermo); Cammarata e Santo Stefano Quisquina (in provincia di Agrigento); Giarratana e  Monterosso Almo (in provincia di Ragusa); Resuttano (in provincia di Caltanissetta).

Contemporaneamente, sulla stessa Gazzetta Ufficiale sarà pubblicata la nuova circolare attuativa che riguarda più annualità e che potrà contare su una dotazione finanziaria che, al momento, è di circa 6,4 milioni di euro e che però potrà aumentare se dovessero esserci economie degli anni scorsi. Il nuovo bando, in analogia ai precedenti, riguarda anche la promozione e la valorizzazione dei territori montani, anche in chiave turistica, e gli ormai consueti interventi di manutenzione del territorio e delle strutture di proprietà degli enti locali. Una novità è rappresentata dall’ambito 4, destinato a particolari interventi in campo sociale.

“Il nuovo ambito dei servizi alla collettività – afferma l’assessore La Via – è indirizzato, da un lato, a potenziare il sistema di trasporto di minori, disabili, anziani per consentire la partecipazione, soprattutto nelle ore pomeridiane, ad attività ludico-ricreative-culturali, quali “fattorie sociali” e, dall’altro, a offrire servizi domiciliari, aggiuntivi a quelli già effettuati, per minori e famiglie a “rischio” per assistenza didattica e socio-psicologica”.