- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

13 marzo 1861 – un pezzo di storia siciliana nascosta dalla bibliografia ufficiale

Real Cittadella [1]

Real Cittadella

Sabato 14 Marzo 2009 a Messina si sono svolte una serie di iniziative che hanno ricordato il 148° anniversario dell’eroica difesa della Real Cittadella di Messina da parte dei fedelissimi soldati duosiciliani
assediati dalle truppe piemontesi del borioso Generale Cialdini.            
Era il 13 Marzo 1861, a quattro giorni dalla proclamazione a Torino  del Regno d?Italia, quando dalla Cittadella veniva ammainata la  candida bandiera duosiciliana. La fortezza messinese rappresentò, 
insieme con quelle di Gaeta e di Civitella del Tronto, l’estrema  resistenza del millenario Regno delle Due Sicilie, dove i soldati  meridionali pur sapendo della inutilità di ogni sforzo cercarono di  difendere la propria Patria esprimendo fedeltà a Francesco II di  Borbone. Una gloriosa pagina del passato volutamente cancellata dalla  storiografia ufficiale come la stessa Real Cittadella, testimone  inesorabile dei fatti, che ancora oggi versa nel totale abbandono. La  manifestazione, nonostante il forte boicottaggio della stampa 
cittadina che ha ignorato totalmente e appositamente l’evento, ha  avuto una buona riuscita con l’apprezzamento dei tanti partecipanti  provenienti, oltre che da tutta la Sicilia, la Calabria e la Campania,  anche dalla non certa vicina Buenos Aires.         
Queste celebrazioni, che si svolgono annualmente da ormai ben 10 anni,  sono state organizzate dall’Associazione Amici del Museo di Messina,  dall’Associazione Culturale “Generale Fergola”, dalla Delegazione di  Sicilia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio e dalle  Delegazioni di Messina dell’Istituto Italiano dei Castelli, dei  Comitati delle Due Sicilie