- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

TRAPANI: che fine ha fatto il PRG ?

missing ! [1]

missing !

Se lo chiedono tre Consiglieri comunali del Gruppo Consiliare I Riformisti, Antonino Passalacqua, Giuseppe Pelelgrino e Nicolò De Caro, che hanno inviato al Sindaco Fazio una nota con la quale chiedono di sapere  se l’Amministrazione, ricevuta la nota di interruzione dei termini per il PRG, ha verificato l’iter procedurale, se si è chiesta se tale interruzione fosse legittima e se quest interruzione dei termini fosse accettabile, ed infine cosa succederà a maggio del 2009 quando saranno trascorsi 540 dalla data di trasmissione del PRG al CRU.
Con la nota, i Consiglieri precisano che alla fine del 2001 il Commissario Giordano ha messo in discussione la rielaborazione del PRG – Mastrorilli  a causa di ritardi nella consegna. L’Amministrazione non ha preso in considerazione lo STUDIO presentato da Mastrorilli ( seppur presentato  in ritardo – inizio 2002) ed ha affidato di fatto all’Assessorato Regionale al Territorio – Architetto Gangemi la rielaborazione  del PRG di Trapani. L’Architetto Gangemi ha rielaborato il  Piano e viene fuori che la zona A viene è stata aumentata del  560% a danno soprattutto delle frazioni. In diverse aree della città e delle frazioni vengono individuate delle zone di espansione C e pochissime zone B. E’ di questi giorni la notizia che alla fine di Agosto sono trascorsi i primi 270 giorni utili di rielaborazione del PRG di Trapani e quindi poteva diventare operativo il PRG e risultare decaduto il programma di fabbricazione. L’Assessore Messina con nota 6704 del 28 agosto 2008 ha informato anche il Sindaco che il Servizio 2 Via – Vas dell’Assessorato Urbanistica Regionale alla data odierna non ha ancora emanato il giudizio sulla Valutazione di Incidenza del PRG istruito dall’Assessorato e trasmesso al Servizio 2 in data 12 marzo 2008. Sempre con la nota del 28 agosto viene fuori che nel mese di marzo il comune era stato informato che erano stati interrotti i termini della rielaborazione.