- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Le truffe ed i reati del 1860 sono storiche ed imprescrivibili

[1]Salemi. Il Presidente della Regione Siciliana Raffaele LOMBARDO non può e non deve amnistiare i reati commessi nel 1860 contro i diritti e gli interessi del popolo Siciliano. 
Dura presa di posizione degli Indipendentisti di lu Frunti Nazziunali Sicilianu che ritengono che il Presidente della Regione Siciliana, Raffaele LOMBARDO, non si debba fare imbrogliare nè imbrigliare dalle chiacchiere di chi ci vuole prigionieri del falso mito garibaldino e, peggio, del mito del Risorgimento italiano in Sicilia. Non può, insomma, AMNISTIARE Garibaldi e gli altri Padri della Patria (italiana).
A Salemi, il 14 maggio del 1860, la Sicilia fu strumentalizzata e tradita, con il consenso e la complicità dei capi-mafia locali, dei rappresentanti della Massoneria deviata e dei voltagabbana ex-borbonici. E contro la volontà del Popolo Siciliano.
Non bastano le “lapidi” bugiarde per cancellare questa ed altre verità. O per sottrarre al Popolo Siciliano il diritto irrinunciabile a recuperare la propria memoria storica. I fatti realmente accaduti sono fatti realmente accaduti.
Il Decreto del 14 maggio 1860, con il quale Garibaldi assume la Dittatura in Sicilia in nome di “Vittorio Emmanuele” Re d’Italia (che, com’è noto, a quella data era solo Re di Sardegna) è privo di qualsiasi valore giuridico. Ed è in sè un enorme ossimoro. E’, invece, paradossalmente, valido esclusivamente in un PARTICOLARE SCOMODISSIMO, del quale nessuno parla. Il “particolare” è – in sostanza – il “riconoscimento” di fatto dello STATO SICILIANO, indipendente e sovrano, risorto nel 1848. Soltanto in presenza dello Stato Siciliano, Garibaldi, infatti, con quel decreto pasticcione, avrebbe potuto spacciarsi per Dittatore, con le funzioni di Capo assoluto dell’antico e glorioso “Regnum Siciliae”. Di questo Stato (peraltro, mai nominato in modo esplicito, per restare nell’equivoco) il Dittatore Nizzardo, in modo rozzo ed arrogante, pretendeva addirittura di esercitare le funzioni relative alla LEGATIA APOSTOLICA. Ed era ciò che – in buona sostanza – volevano gli Inglesi, ma solo in quel momento e con LIMITI FERREI. Dopo qualche mese, gli Inglesi stessi non lo ritennero più necessario.
Insomma: di chiaro c’è solo che, fra i tanti imbrogli e dopo la ignobile conquista anglo-piemontese-garibaldina, eseguita su mandato del Governo di Londra, la Sicilia diventò una colonia di sfruttamento interna del Regno Sabaudo. Uno “status”, questo, che – mutatis mutandis – è rimasto oggi sostanzialmente in vigore.