- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Malasanità. Ospedale San Biagio, donna muore dopo due ricoveri in pochi giorni.

Il fatto sarebbe accaduto qualche giorno all’Ospedale San Biagio di Marsala. Una donna di 75 viene portata dai familiari al pronto soccorso dopo aver accusato un malore e leggero mancamento.I medici del pronto soccorso, secondo quanto siamo riusciti ad apprendere, avrebbero effettuato una breve visita e disposto la dimissione della donna poiché, secondo i familiari, i medici avrebbero loro detto che i medicinali di cui aveva bisogno potevano essere somministrati a casa.

Tre giorni dopo, alle tre di notte, la donna viene accompagnata nuovamente al pronto soccorso e ricoverata per accertamenti.
Sembra che tra il primario di chirurgia e quello di medicina, secondo quanto ci hanno riferito alcuni parenti della vittima, siano rimasti per alcune ore a discutere a chi doveva essere assegnata la paziente. Nel frattempo, secondo i familiari, la cardiologa di turno dopo aver chiesto ai familiari se la donna fosse in grado di ripondere, non ha ritenuto di visitarla. Dopo qualche tempo agli stessi parenti viene detto di portarla pure a casa perché non c’era niente da fare, ma sembra senza che venissero informati di quale patologia fosse affetta.
Dopo qualche ora dalle dimissioni dall’ospedale la donna muore. Abbiamo contattato il Direttore dell’Ospedale il quale ci ha riferito di aver svolto una breve indagine interna ma che l’episodio non sarebbe confermato.
Al di là della  storia che appare come un caso di malasanità, sembra incredibile che un ospedale dimetta una paziente … perché non c’è più nulla da fare.
A questo punto pensiamo che sarebbe opportuno che la direzione dell’ASL disponesse una indagine ufficiale sui fatti convocando anche i familiari e gli amici della vittima che avrebbero assistito ai fatti narrati, perché in ultima analisi l’unico fatto certo è che dopo alcune ore dall’uscita dall’ospedale, la donna, di 75 anni è morta ed i parenti affermano di non sapere per quale motivo o malattia “fulminante”.