- Osservatorio Sicilia/Mondo e Dintorni - http://www.osservatorio-sicilia.it -

Protesta nei confronti de LA7

Il 21 gennaio  us. su LA 7 – è andato in onda il talk show “niente di personale” condotto Antonello PIROSO.
Tra le questioni trattate si è giunti, guarda caso, a parlare di Sicilia. Al di là delle legittime considerazioni politiche ed economiche che sono state espresse, ci ha lasciato sbigottiti ascoltare le affermazioni espresse dall’editorialista Stella che ai più sono  sembrate uno sfottò ai danni del popolo Siciliano e del suo Parlamento.

Innanzitutto ci permettiamo di rappresentare al conduttore Antonello Piroso che la Regione Sicilia non esiste essendo nell’ordinamento costituzionale italiano presente solo la Regione Siciliana. La cosa sembra dia fastidio ad organi di informazione, stampa, televisione, radio che continuano ad usare il sostantivo Sicilia anzichè il corretto aggettivo Siciliana.

La Regione è “Siciliana” in assonanza con la Repubblica che è “Italiana” e non “Italia”  perché nasce, ancor prima della stessa Repubblica, come ente originariamente sovrano e legato all’Italia da un rapporto pattizio e potenzialmente paritetico. (Ndr.: Statuto della Regione Siciliana – approvato con Regio Decreto lgvo n. 455 del 15 maggio 1946, inserito all’articolo 116 della Costituzione della Repubblica Italiana del 1948).

L’Osservatorio nel ribadire che il nome istituzionale della Regione non è modificabile profitta dell’occasione per invitare organi di stampa, televisioni, case editrici, etc., quando si riferiscono alla Sicilia non geografia ma istituzionale di usare il corretto termine Regione Siciliana.

Per quanto invece inerente alle affermazioni dell’editorialista Gian Antonio Stella,  senza voler mettere in discussione la sua professionalità ed il suo sapere, ci permettiamo di inviatrlo ad evitare in futuro, affermazioni che offendono il popolo Siciliano ed il suo Parlamento. I rappresentanti all’Assemblea Regionale Siciliana sono deputati non perchè così si vogliono far chiamare o perchè hanno il parlamento più antico del mondo, ma perchè è il titolo che  è loro dovuto costituzionalmente  essendo DEPUTATI ALL’ASSEMBLEA.
(ndr: art. 3 Statuto siciliano, “L’Assemblea regionale è costituita da novanta Deputati eletti nella Regione a suffragio universale diretto e segreto”).
Il Parlamento Siciliano è  il più antico d’Europa essendo nato nel 1130 mentre come è noto, il più antico del mondo è il parlamento dell’Isola di Man, il Tynwald, che risale al 979. L’Osservatorio ritiene che affermazioni così estemporanee possano alimentare il fuoco di un conflitto interetnico tipicamente italiano che è duro a morire.
Se la produzione di “niente di personale” vorrà affrontare il tema Sicilia, l’Osservatorio è disponibile ad intervenire con propri studiosi a confrontarsi con l’editorialista Stella.